Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 29 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
 

Re: Una VEGLIA dalla Fiera della Toma di Condove
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mercoledì 5 febbraio 2020, 23:16 
Connesso
Advanced User
Advanced User
Avatar utente

Iscritto il: domenica 4 febbraio 2018, 15:29
Messaggi: 1090
Località: Condove
Provincia: Torino
Mentre sto verificando il funzionamento della nuda sveglia ho iniziato a sverniciare il piedone del segnatempo (per ora funziona anche se dopo circa 14 ore si è bloccata, ma appena toccato il bilanciere è ripartita ed ora sta superando le 24 ore di funzionamento, con un leggero ritardo recuperabile dalla racchetta).
La situazione iniziale era questa
Allegato:
27_a.jpg
27_a.jpg [ 271.27 KiB | Osservato 93 volte ]

Il pezzo superiore, verniciato, è in fusione di alluminio, mentre il pezzo inferiore è di ottone massiccio (che spreco!).
Il fatto che la sveglia sia stata accantonata per mooolto tempo dopo che si era rotta la molla, e sicuramento messa in uno scantinato umido (fa fede la ruggine che ha intaccato le parti in metallo) ha fatto si che per il principio galvanico il rame contenuto nella piastra di ottone a contatto con il pezzo in alluminio con l'umidità creasse il principio del cancro dell'alluminio formando un'incrostazione di sali non indifferente.
Questa "crosta" l'ho asportata meccanicamente (carta abrasiva molto fine) dalla parte in alluminio e sto finendo quella in ottone con paglietta, metaglan, e fresetta 600 grid della 3M.
Allegato:
28.JPG
28.JPG [ 119.44 KiB | Osservato 93 volte ]

Allegato:
29.JPG
29.JPG [ 138.35 KiB | Osservato 93 volte ]

Allegato:
30.JPG
30.JPG [ 173.76 KiB | Osservato 93 volte ]

Ora mi chiedo e vi chiedo il piede in alluminio prima di verniciarlo devo dargli un fondo anticorrosivo (quale?) o non è il caso dopo averlo pulito come nella foto? La faccia a contatto con l'ottone non era stata verniciata.

Altro quesito: le sfere che hanno gli inserti luminescenti (radioattivi? Trizio?) praticamente esausti ma che non vorrei togliere come le posso lucidare? Le sfere sono leggermente strombate verso l'esterno.
Allegato:
31.jpg
31.jpg [ 218 KiB | Osservato 93 volte ]

Non so se con un cabrone a grana finissima riesco a non danneggiare l'inserto, d'altronde non posso metterle nel TiBi o nel gallo perché, credo, si mangerebbero tutto.
Attendo consigli e suggerimenti.
In ogni caso, per sicurezza, andrò a farmi prestare da un amico un contatore Geiger per verificare il livello di eventuale rischio.
Buona notte a tutte e tutti.
::-OK

_________________
Le battaglie che si perdono sono quelle che si abbandonano.
________________________________________________________________________
Alby


Top
 Profilo  
 

Re: Una VEGLIA dalla Fiera della Toma di Condove
MessaggioInviato: sabato 15 febbraio 2020, 0:01 
Connesso
Advanced User
Advanced User
Avatar utente

Iscritto il: domenica 4 febbraio 2018, 15:29
Messaggi: 1090
Località: Condove
Provincia: Torino
La prima boccola non si scorda mai…!
Ci ho provato... 8-)
Ho provato a riboccolare il foro della platina anteriore della ruota secondi (quella che era la più malandata e che con la punzonatura non ero riuscito a migliorare la situazione: la sveglia continuava a "puntare" e a fermarsi.
Così, praticamente senza attrezzatura, da perfetto incosciente, utilizzando una delle 100 boccole assortite prese dai cugini inglesi ho tentato l'avventura.
Il risultato è degno dei migliori orologikani. Anche se per ora la sveglia sta marciando allegramente.

Provo a raccontare l'avventura.
Intanto ho smontato nuovamente tutto.
Con la ruota dei secondi in mano ho cercato se tra il centinaio di boccole ce n'era una che potesse andare bene. Non c'era, tutte troppo piccole. Il pivot anteriore era di 0,98 millimetri. Non solo, ma mentre la platina aveva uno spessore di 1,5 mm le boccole erano da 2 mm con un diametro esterno di 2,70 mm.
Non avendo un tornietto, non avendo un trapano a colonna decente, non avendo un assortimento di punte piccole con i vari microdiametri ho deciso di bloccare la boccola in un morsetto autocentrante e poi iniziando con un alesatore da 0,80 ho allargato il foro, poi ho preso una punta da 1 mm e inserita in un altro morsetto autocentrante a mano ho cercato di allargare il forno fino a quando il pivot è entrato, ma sforzava troppo e allora con un altro alesatore ho allargato il foro fino a quado mi è sembrato che il pivot girasse tranquillo.
Adesso bisognava forare la platina. Cercando di centrare il foro nel modo migliore possibile.
E ho subito sbagliato la strategia di lavoro.
Avevo una punta da 2,5 mm così ho pensato di usare quella inserita nel trapano a colonna per fare il foro, anche se era 20 decimi più piccolo del dovuto. Ma ho pensato che un po’ il gioco del trapano, un po’ la difficoltà di serrare la platina in un morsetto era meglio più piccolo che giusto (in ogni caso non avevo la punta da 2,70).
Le punte elicoidali non vanno bene: si è impiantata e mi ha strappato la platina dal morsetto.
Sperando nella fortuna dei principianti ho cercato di allargare con l’alesatore il foro. Ma il mio alesatore più grande è da 2,60 mm. Ho cercato di giocare un po’ di sponda, ma la boccola non entrava.
Infilata la boccola in un avvitatore grazie ad un mandrino piccolo ho provato con una lima a farla venire un po’ conica, senza esagerare. Poi ho provato a piantarla utilizzando un punzone piatto serrato nel trapano a colonna.
La boccola è entrata, ma non è stato un bel lavoro, la platina si è leggermente deformata e così anche se è veramente una cosa da non fare ho dovuto martellarla per riportarla un minimo in piano. Ma la boccola fuoriusciva dalla platina da entrambi i lati! Oltre tutto la platina anteriore è rivettata sulla ghiera che tiene il quadrante e tutta la cassa, così non si lavora bene di lima. Con un dremel e con delle fresette ho cercato di riportarla al piano della platina, ma non è venuto un bel lavoro.
Ripassato l’alesatore e poi lo stecco di bosso per pulire il foro montato le ruote del treno tempo per controllare se giravano bene senza bloccarsi.
Tutto ok alla fine. Allora rimontato il tutto… ed è partito, oliato con moebius 8030 per adesso sta ticchettando da cinque ore. Staremo a vedere gli sviluppi della situazione.
In ogni caso ho capito, una volta di più, che senza gli attrezzi giusti non si può fare un buon lavoro (a meno di essere dei maghi).
Dopo queste immagini potete dirmi di tutto... :P--- :-ciakciak :-ciakciak :-ciakciak anche bannarmi.
Allegato:
35.JPG
35.JPG [ 153.11 KiB | Osservato 85 volte ]

Allegato:
36.JPG
36.JPG [ 105.19 KiB | Osservato 85 volte ]

Allegato:
37.JPG
37.JPG [ 128.17 KiB | Osservato 85 volte ]

Allegato:
38.JPG
38.JPG [ 100.34 KiB | Osservato 85 volte ]

Buona notte.

_________________
Le battaglie che si perdono sono quelle che si abbandonano.
________________________________________________________________________
Alby


Top
 Profilo  
 

Re: Una VEGLIA dalla Fiera della Toma di Condove
MessaggioInviato: sabato 15 febbraio 2020, 13:24 
Connesso
Eminence User
Eminence User

Iscritto il: mercoledì 27 aprile 2016, 17:35
Messaggi: 7831
Località: Dubbione di Pinasca
Provincia: Torino
Non sarà bellissima da vedere Alberto ma conta il risultato finale......che funzioni :2thumbs:
Tieni presente che io sono nelle tue stesse condizioni (forse anche peggio) per le rimboccolature, sarebbe bello avere l'attrezzatura specifica ma costa un botto ::boccaap
Penso anche io che le punte elicoidali non vadano bene per questo lavoro, meglio le frese di precisione.
Mi viene una domanda: perché la conicità sul diametro esterno della boccola.......a cosa serve?........domandona per chi ci legge.
Un caro saluto.
:hallo:

_________________
Paolo


Top
 Profilo  
 

Re: Una VEGLIA dalla Fiera della Toma di Condove
MessaggioInviato: sabato 15 febbraio 2020, 13:53 
Non connesso
Forum User
Forum User
Avatar utente

Iscritto il: domenica 21 ottobre 2018, 14:54
Messaggi: 276
Provincia: Catania
Se non mi sbaglio dovrebbe servire a trattenere l olio


Top
 Profilo  
 

Re: Una VEGLIA dalla Fiera della Toma di Condove
MessaggioInviato: sabato 15 febbraio 2020, 17:29 
Non connesso
Amministratore
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 28 giugno 2006, 21:58
Messaggi: 26047
Località: Torino
Provincia: TO
Bravo Alby, senza attrezzature specifiche hai fatto il massimo e hai ottenuto il risultato sperato!! :2thumbs: :2thumbs:
Ciao Fabry

_________________
Immagine Immagine Immagine
La più alta forma di coraggio è il coraggio di creare..


Top
 Profilo  
 

Re: Una VEGLIA dalla Fiera della Toma di Condove
MessaggioInviato: sabato 15 febbraio 2020, 22:03 
Connesso
Advanced User
Advanced User
Avatar utente

Iscritto il: domenica 4 febbraio 2018, 15:29
Messaggi: 1090
Località: Condove
Provincia: Torino
Ho fatto quello che ho potuto, ma soprattutto ho capito cosa non bisogna fare. 8-)
Però non funziona ancora bene. Si comporta come prima del lavoro di riboccolatura. Marcia per un po', magari cinque o sei ore e poi si blocca. Sempre in posizioni differenti visto che segno la posizione degli ingranaggi al momento del blocco.
Penso che il problema sia la molla nuova inglese che ho sostituito. Avevo notato subito che era stranamente morbida.
Adesso proverò a giuntare quella rotta rivettandola.
Allegato:
39.jpg
39.jpg [ 145.78 KiB | Osservato 65 volte ]

Se non funziona vedrò di rifare l'occhiello di aggancio al pilastrino delle platine anche se vorrà dire accorciare un po' la molla.
Se proprio non andrà bene, cercherò una nuova molla in fornitura portando quella vecchia.
Vi farò sapere.

_________________
Le battaglie che si perdono sono quelle che si abbandonano.
________________________________________________________________________
Alby


Top
 Profilo  
 

Re: Una VEGLIA dalla Fiera della Toma di Condove
MessaggioInviato: sabato 15 febbraio 2020, 22:33 
Connesso
Nuovo Iscritto
Nuovo Iscritto

Iscritto il: mercoledì 13 febbraio 2019, 11:03
Messaggi: 52
Provincia: Roma
Bravo! :2thumbs:
molto istruttivo specialmente nell'approccio alla spirale.
Per curiosità, come stai agendo sulla carrozzeria che ho visto abbastanza mal messa?
Pensi di sverniciarla o solo azione di pulizia (e in questo caso cosa usi?)
Ale


Top
 Profilo  
 

Re: Una VEGLIA dalla Fiera della Toma di Condove
MessaggioInviato: sabato 15 febbraio 2020, 23:31 
Connesso
Senior Advanced User
Senior Advanced User
Avatar utente

Iscritto il: martedì 7 aprile 2009, 20:47
Messaggi: 2830
Località: verona
Le punte elicoidali, se si forano ottoni e bronzi, vanno affilate con spoglia negativa
altrimenti come successo a te strappano
Ciao!

_________________
Da grande farò il boy-scout


Top
 Profilo  
 

Re: Una VEGLIA dalla Fiera della Toma di Condove
MessaggioInviato: sabato 15 febbraio 2020, 23:41 
Connesso
Advanced User
Advanced User
Avatar utente

Iscritto il: domenica 4 febbraio 2018, 15:29
Messaggi: 1090
Località: Condove
Provincia: Torino
Ciao Ale, Per la carrozzeria della sveglia sto pulendo il tutto, le parti arrugginite le ho spazzolate con il dremel e la spazzola 3M 600 grit, poi all'interno passerò una mano di ferox dopo aver sverniciato il tutto con lo sverniciatore GRINTO, dopo averlo lavato con alcool bianco assoluto (100°) e asciugato bene con il phon lo vernicio con bombola smalto all'acqua. Lo zoccolo in ottone, dopo averlo ben lucidato, l'ho trattato con vernice trasparente all'acqua per proteggerlo dall'ossidazione.
Sto andando un po' a rilento perché qui abbiamo avuto molto vento e non è l'ideale per verniciare a spruzzo.
Appena finito posterò il risultato.
Bona notte.

_________________
Le battaglie che si perdono sono quelle che si abbandonano.
________________________________________________________________________
Alby


Top
 Profilo  
 

Re: Una VEGLIA dalla Fiera della Toma di Condove
MessaggioInviato: sabato 15 febbraio 2020, 23:44 
Connesso
Advanced User
Advanced User
Avatar utente

Iscritto il: domenica 4 febbraio 2018, 15:29
Messaggi: 1090
Località: Condove
Provincia: Torino
catenavfr ha scritto:
Le punte elicoidali, se si forano ottoni e bronzi,vanno affilate con spoglia negativa
altrimenti come successo a te strappano
Ciao!


Ciao, grazie del consiglio ma essendo ignorante non so cosa significhi affilate con spoglia negativa.
Un caro saluto.

_________________
Le battaglie che si perdono sono quelle che si abbandonano.
________________________________________________________________________
Alby


Top
 Profilo  
 

Re: Una VEGLIA dalla Fiera della Toma di Condove
MessaggioInviato: lunedì 17 febbraio 2020, 23:01 
Connesso
Advanced User
Advanced User
Avatar utente

Iscritto il: domenica 4 febbraio 2018, 15:29
Messaggi: 1090
Località: Condove
Provincia: Torino
Dalle mie parti si dice che "à l'à le masche o anche che à l'è 'n mascà per dire di qualcosa che non segue le leggi logiche e si comporta, oggi si direbbe, in modo random. Per chi non è di queste parti masca = strega, fattucchiera. :löl:
Dopo aver riboccolato alla bellemeglio la boccola della ruota secondi, il meccanismo funzionava "a muzzo" nel senso che si fermava quando voleva senza senso logico apparente (in realtà qualche motivo meccanico che mi sfugge a causa della mia ignoranza e inesperienza in materia c'è sicuramente, ma io non l'ho individuato). ::-tavolo
Ieri sera dopo aver caricato la molla l'ho fatta ripartire ed ha funzionato per circa 22 ore (un record!), poi questa sera si è fermata, pensavo per fine carica utile (anche se la molla, di carica, ne aveva ancora per almeno teoriche 48 ore) ma, praticamente, non è più ripartita: funziona per un minuto, forse due e si ferma.
Ora io mi chiedo: ma se ieri nella stessa posizione ha funzionato ininterrottamente per 22 ore perché ora non si rimette nuovamente in moto? :stumm: :wallbash: :censored:
Per me è un mistero. Come detto più sopra proverò a riparare in qualche modo la molla vecchia e per ora metto via il meccanismo della sveglia prima che lo prenda a martellate dicendogli: "perché non parli e non mi dici cosa non va?" :löl: :löl:
Ma... l'avventura prosegue. Vi terrò informati.

_________________
Le battaglie che si perdono sono quelle che si abbandonano.
________________________________________________________________________
Alby


Top
 Profilo  
 

Re: Una VEGLIA dalla Fiera della Toma di Condove
MessaggioInviato: giovedì 20 febbraio 2020, 18:16 
Connesso
Nuovo Iscritto
Nuovo Iscritto
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 5 dicembre 2019, 0:56
Messaggi: 98
Località: Torino
Provincia: TO
Caro Alby,
a causa di una concomitanza incredibile di seri problemi di salute dei miei genitori, casini sul lavoro e numerosi impegni extra lavorativi, non sono più riuscito a dedicare neppure un minuto al mio orologio con suoneria, che molto ha in comune con la tua “sveglietta della toma” (soprannome tecnico in codice, universalmente riconosciuto :löl: ), e non sono riuscito neanche più a passare qualche momento sul forum.
Devo dire che in pochi giorni hai comunque fatto moltissimo.
Come giustamente hai detto tu, in ogni caso hai capito cosa non bisogna fare (e secondo me questo è già una grande consapevolezza). Non posso che ammirarti per la tua intraprendenza e il coraggio di tentare.
Provando si rischia di fallire, ma se non provi mai hai già fallito in partenza.
In ogni caso, le sveglie sono delle palestre impareggiabili.
Appena avrò un periodo un po’ più sereno, proverò anche io a fare qualche “danno” sulla mia, facendo tesoro della tua esperienza e cercando di non fare i tuoi stessi errori (ma altri, nuovi è ancora più irreparabili! 8-) ) .

Grazie per aver postato questa tua esperienza. Io la sto seguendo con grande coinvolgimento. D’altra parte non siamo professionisti e da qualche parte bisogna pur partire per imparare. La condivisione permette di non perseverare sugli errori, e di vedere il tema sotto diverse angosture e da punti di vista differenti.
Sotto questo aspetto Orologiko è davvero “unico e insostituibile”.
::-OK

_________________
Non voglio una cura alla mia follia,
cerco compagni di viaggio con cui condividerla.
Luca


Top
 Profilo  
 

Re: Una VEGLIA dalla Fiera della Toma di Condove
MessaggioInviato: giovedì 20 febbraio 2020, 19:56 
Connesso
Advanced User
Advanced User
Avatar utente

Iscritto il: domenica 4 febbraio 2018, 15:29
Messaggi: 1090
Località: Condove
Provincia: Torino
Grazie del tuo scritto caro Luca, ma in fondo la sveglia l'avevo pagata ben tre euro e quindi potevo cimentarmi a fare danni magari irreparabili.
Credo che non avendo la Bergeon per fare i fori, se li troverò vorrei provare con le punte a lancia, quelle che funzionano sui trapanini a mano di una volta, ne ho uno di mio nonno un po' grande e ne ho preso uno piccolo per poche sterline dai cuginiGB.
Il problema è trovare le punte a lancia. Ma magari con un colpo di fortuna o con una dritta giusta riesco a trovarle, purché siano piccole.
Auguri per la soluzione dei tuoi problemi famigliari. Il bello di noi hobbysti è che i lavori possono anche attendere.
::-OK ::-OK

_________________
Le battaglie che si perdono sono quelle che si abbandonano.
________________________________________________________________________
Alby


Top
 Profilo  
 

Re: Una VEGLIA dalla Fiera della Toma di Condove
MessaggioInviato: venerdì 21 febbraio 2020, 15:30 
Non connesso
Forum User
Forum User
Avatar utente

Iscritto il: domenica 21 ottobre 2018, 14:54
Messaggi: 276
Provincia: Catania
Ciao Alby io li ho presi dagli amici inglesi quelli della bergeon solo che in cambio di montarli sull' apposito attrezzo li mondo sul trapano ti posto il link https://www.cousinsuk.com/product/reame ... ze-bergeon


Top
 Profilo  
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 29 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: E.Fclock, gigiopalb, LucaMat, multistrada620 e 37 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a: