Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 54 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo
 

un orologio Japy in lamiera.
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lunedì 17 dicembre 2018, 0:48 
Non connesso
Curatore Orologiko
Curatore Orologiko
Avatar utente

Iscritto il: martedì 30 giugno 2015, 12:43
Messaggi: 1422
Località: Colle Val d'Elsa
Provincia: SI
Ho deciso di mettere mano ad un altro dei miei acquisti: un orologio francese in lamiera con motivi ornamentali in stile "incas" o "atzeco".

Allegato:
01.jpg
01.jpg [ 73.29 KiB | Osservato 1451 volte ]


Allegato:
02.jpg
02.jpg [ 61.4 KiB | Osservato 1451 volte ]


La cassa è proprio di lameria d'acciaio comune (è magnetizzabile), piuttosto arrugginita a con tracce di succesive mani di venirce nera. La lunetta, in perfette condizioni mance del vetro ed il quadrante presenta diverse fessure ed un paio di ferite nello smalto.

Allegato:
03.jpg
03.jpg [ 75.65 KiB | Osservato 1451 volte ]


Le sfere decisamente fatte in casa, erano dipinte di rosso, come tocco di originalità.

Aperto il retro ho scoperto, invece della solita parigina, un meccanismo del, non molto a me gradito, tipo "zappler" di Japy, anche se, per la prima volta, ne vedo uno con suoneria.

Allegato:
04.jpg
04.jpg [ 83.57 KiB | Osservato 1451 volte ]


All'interno della cassa c'era anche la chiave di carica, una bottiglietta di olio per pendoleria, una campana di bronzo da 50mm applicata ad un lato senza apparente funzione, dato che la sua campana di lamiera dorata era al suo posto ed una ruota delle ore legata ad un filo di ferro, quasi come un pezzo di scorta. Il motivo l'ho capito più tardi.

Allegato:
05.jpg
05.jpg [ 39.07 KiB | Osservato 1451 volte ]


Allegato:
056.jpg
056.jpg [ 55.57 KiB | Osservato 1451 volte ]


Le molle erano cariche, ma nulla si muoveva, cosa non sorprendente dato che mai avevo visto un meccanismo tanto sporco da essere quasi nero e da sporcare qualunque cosa con cui veniva a contatto.

Last but not least, ecco la finestra posteriore, di realizzaizone assolutamente artigianale, per mezzo di rete di ottone, una guarnizione di asbesto , fermata con rivetti in rame.

Allegato:
07.jpg
07.jpg [ 60.41 KiB | Osservato 1447 volte ]


Il fissaggio del movimento alla cassa è risultato molto approssimativo ... estratto il movimento procediamo a scomporlo.

_________________
Non basta sapere, occorre anche applicare;
non basta l'intenzione, bisogna anche fare.
(W. Goethe)


Top
 Profilo  
 

Re: un orologio Japy in lamiera.
MessaggioInviato: lunedì 17 dicembre 2018, 1:06 
Non connesso
Curatore Orologiko
Curatore Orologiko
Avatar utente

Iscritto il: martedì 30 giugno 2015, 12:43
Messaggi: 1422
Località: Colle Val d'Elsa
Provincia: SI
Scaricate le molle ho iniziato a togliere i dettagli esterni, appurando con piacere che si tratta di una suoneria a rastrello. Salvo nuove informazioni sarei propenso a datare l'orologio ai primi anni del 900, per quanto le viti artigianali ed i dadi fatti in casa di forma quadrata, mi farebbero pensare ad un prodotto non proprio industriale e quindi più vecchio. Penso anche che il movimento potrebbe non essere quello orginale, ma qualcosa di applicato in seguito, almeno a giudicare dal fissaggio approssimativo

Allegato:
08.jpg
08.jpg [ 82.84 KiB | Osservato 1445 volte ]


Ecco le parti componenti disassemblate prima del lavaggio

Allegato:
10.jpg
10.jpg [ 65.64 KiB | Osservato 1445 volte ]


LA ruota di minuteria che porta la sfera delle ore è risultata riparata (tracce di stagno) e con uno o due denti danneggiati. Ecco perchè ho trovato una ruota di scorta nella cassa: ha lo stesso diametro e numero di denti, ma fattura un po' più robusta e qualcuno l'aveva presa per sostituire quella danneggiata. Può darsi che sarò costretto a procedere anche io allo stesso modo.

Tuttavia la ruota con il dente accorciato ed il pignone di rimando, messi sul compasso da pendoleria sembrano girare senza problemi ... sarà un problema da affrontare a movimento richiuso.

Allegato:
11.jpg
11.jpg [ 68.95 KiB | Osservato 1445 volte ]


Quello che invece proprio non mi convince sono le molle: innanzitutto mostrano chiari segni di rottura ai ganci, poi il loro diametro libero è così piccolo che mi viene da pensare che siano decisamente plasticizzate e quindi da cambiare.

Allegato:
12.jpg
12.jpg [ 73.67 KiB | Osservato 1445 volte ]


Allegato:
13.jpg
13.jpg [ 79.66 KiB | Osservato 1445 volte ]

_________________
Non basta sapere, occorre anche applicare;
non basta l'intenzione, bisogna anche fare.
(W. Goethe)


Top
 Profilo  
 

Re: un orologio Japy in lamiera.
MessaggioInviato: lunedì 17 dicembre 2018, 9:50 
Non connesso
SP
SP
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 settembre 2009, 21:01
Messaggi: 19055
Località: Milano
Provincia: Milano
Caspita che rebelot
Seguo...
:D

_________________
Messaggi inseriti con smartphone, scusate errori. Verranno corretti al pc.
Immagine SP


Top
 Profilo  
 

Re: un orologio Japy in lamiera.
MessaggioInviato: lunedì 17 dicembre 2018, 11:13 
Connesso
Eminence User
Eminence User

Iscritto il: mercoledì 27 aprile 2016, 17:35
Messaggi: 7241
Località: Dubbione di Pinasca
Provincia: Torino
Mai successo di trovare in un orologio o pendolo olio, chiave e ruota ricambio :D
Seguo anche io....

_________________
Paolo


Top
 Profilo  
 

Re: un orologio Japy in lamiera.
MessaggioInviato: lunedì 17 dicembre 2018, 15:31 
Non connesso
collaboratore
collaboratore
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 7 febbraio 2018, 16:42
Messaggi: 617
Località: Buenos Aires, Rca. Argentina
Provincia: Buenos Aires, Argent
Un orologio che sicuramente darà molto lavoro e seguirò da vicino, mi piace sempre il tuo 3D così ben spiegato e fotografato.
Non mi è mai successo che un orologio venisse con doni all'interno, uno in più.
Mi cattura sempre la mia attenzione per vedere la quantità di grasso che viene messa sul cricchetto, dove non è necessario,a mio parere, porta, in quel luogo, una lubrificazione minima e specifica se è bronzo contro bronzo.
Le figure sui lati non sono Inca o Aztec, il copricapo che portano ha somiglianza, ma i volti non lo sono.



Un reloj que seguramente dará bastante trabajo y seguiré atentamente, siempre me gustan sus 3D, tan bien explicados y fotografiados.
Nunca me paso que un reloj vinirera con regalos dentro, un adicional.
Siempre me llama la atención ver la cantidad de grasa que le ponen al trinquete, donde no hace falta, a mi parecer lleva, en ese lugar , una lubricación mínima y específica si es bronce contra bronce.
Las figuras al los costados no son incas ni aztecas, el tocado que llevan tiene similitud, pero las caras no son.

Saluti.
Vorian.

_________________
La meccanica, ha la sua aristocrazia, nell'orologeria.


Top
 Profilo  
 

Re: un orologio Japy in lamiera.
MessaggioInviato: lunedì 17 dicembre 2018, 17:04 
Non connesso
Advanced User
Advanced User
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 18 luglio 2012, 10:53
Messaggi: 1715
Località: Milano
Guido ti seguo, mi verrà utile in futuro.

e non lamentarti di ruggine, noi che abbiamo fatto l'antitetanica....



Allegato:
PENDULE ANCIENNE 01.jpg
PENDULE ANCIENNE 01.jpg [ 570.08 KiB | Osservato 1386 volte ]




Allegato:
PENDULE ANCIENNE 02.jpg
PENDULE ANCIENNE 02.jpg [ 644.17 KiB | Osservato 1386 volte ]



Allegato:
s-l1600.jpg
s-l1600.jpg [ 152.71 KiB | Osservato 622 volte ]



:hallo: carlo

_________________
Aiuta qualcuno quando è nei guai e lui si ricorderà di te, quando sarà nei guai di nuovo.


Ultima modifica di Capriolo75 il sabato 2 marzo 2019, 19:46, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 

Re: un orologio Japy in lamiera.
MessaggioInviato: lunedì 17 dicembre 2018, 19:49 
Non connesso
Curatore Orologiko
Curatore Orologiko
Avatar utente

Iscritto il: martedì 30 giugno 2015, 12:43
Messaggi: 1422
Località: Colle Val d'Elsa
Provincia: SI
@Capriolo75: è lui, è lui .... di solito li ho trovati su orologi da muro o da appoggio in antimonio, mi ha stupito trovarlo in questa specie di Parigina di ferro

@Vorian: a me sembravano sculture ed ornamneti ispirati alle civiltà precolombiane, Incas, Atrzechi o simili ... Tu hai forse una ipotesi diversa su quello stile?

_________________
Non basta sapere, occorre anche applicare;
non basta l'intenzione, bisogna anche fare.
(W. Goethe)


Top
 Profilo  
 

Re: un orologio Japy in lamiera.
MessaggioInviato: martedì 18 dicembre 2018, 0:57 
Non connesso
collaboratore
collaboratore
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 7 febbraio 2018, 16:42
Messaggi: 617
Località: Buenos Aires, Rca. Argentina
Provincia: Buenos Aires, Argent
Komarek, come ho detto il copricapo (ornamento), è molto simile al precolombiano, ma non è lo stesso e le facce non sono assolutamente, cercherò informazioni, precise, per non dire a memoria.

Komarek, como dije el tocado (adorno), es muy parecido al precolombino, pero no es igual y las caras definitivamente no lo son, voy a buscar información, exacta, para no decir de memoria.

_________________
La meccanica, ha la sua aristocrazia, nell'orologeria.


Top
 Profilo  
 

Re: un orologio Japy in lamiera.
MessaggioInviato: martedì 18 dicembre 2018, 12:21 
Non connesso
Senior User
Senior User

Iscritto il: martedì 30 agosto 2016, 15:08
Messaggi: 658
Provincia: firenze
Orologio interessante sia per la cassa in metallo che per il meccanismo, anche io mi metto in poltrona e seguo il restauro professionale e sempre ben documentato di Komarek


Top
 Profilo  
 

Re: un orologio Japy in lamiera.
MessaggioInviato: martedì 18 dicembre 2018, 16:26 
Non connesso
Advanced User
Advanced User
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 18 luglio 2012, 10:53
Messaggi: 1715
Località: Milano
Komarek ha scritto:
... di solito li ho trovati su orologi da muro...



ho trovato sulla baia questo che è identico al tuo (Japy).


Allegato:
001.jpg
001.jpg [ 564.1 KiB | Osservato 1316 volte ]




Allegato:
002.jpg
002.jpg [ 541.63 KiB | Osservato 1316 volte ]


il mio invece differisce (e forse non Japy) perché ha i fori pivot sulla platina NON "scheletrati"
ossia senza quella asolatura forata che ti permette eventualmente di poter allungare o accorciare il gioco degli assi.

_________________
Aiuta qualcuno quando è nei guai e lui si ricorderà di te, quando sarà nei guai di nuovo.


Top
 Profilo  
 

Re: un orologio Japy in lamiera.
MessaggioInviato: domenica 30 dicembre 2018, 13:35 
Non connesso
Curatore Orologiko
Curatore Orologiko
Avatar utente

Iscritto il: martedì 30 giugno 2015, 12:43
Messaggi: 1422
Località: Colle Val d'Elsa
Provincia: SI
Sono sempre in attesa delle molle nuove ordinate da Cousins, ma ho proseguito con il lavoro di pulizia di movimento e cassa.

Ecco tutte le parti dell' orologio dopo il lavaggio

Allegato:
DSCF5252P.jpg
DSCF5252P.jpg [ 73.7 KiB | Osservato 1246 volte ]


e qualche dettaglio

Allegato:
DSCF5254P.jpg
DSCF5254P.jpg [ 88.9 KiB | Osservato 1246 volte ]


Allegato:
DSCF5255P.jpg
DSCF5255P.jpg [ 72.29 KiB | Osservato 1246 volte ]


Ho proceduto a riparare il quadrante con la solita tecnica: stucco Tamiya bianco, poi smalto per riparazione da sanitari ed infine spruzzata di vernice acrilica trasparente lucida su tutto il quadrate, anche per sigillare le fessure ed impedire che lo sporco le annerisca di nuovo ...

Allegato:
DSCF5253P.jpg
DSCF5253P.jpg [ 87.28 KiB | Osservato 1246 volte ]

_________________
Non basta sapere, occorre anche applicare;
non basta l'intenzione, bisogna anche fare.
(W. Goethe)


Top
 Profilo  
 

Re: un orologio Japy in lamiera.
MessaggioInviato: domenica 30 dicembre 2018, 14:14 
Non connesso
Curatore Orologiko
Curatore Orologiko
Avatar utente

Iscritto il: martedì 30 giugno 2015, 12:43
Messaggi: 1422
Località: Colle Val d'Elsa
Provincia: SI
Poi, in attesa delle nuove molle, ho iniziato a lavorare sulla cassa e, per prima cosa ho tolto tutti gli elementi decorativi in ottone per pulirli:

Allegato:
DSCF5283P.jpg
DSCF5283P.jpg [ 113.49 KiB | Osservato 1241 volte ]


Dopo il lavaggio ad ultrasuoni con ELMA, li ho passati tutti con la spazzolina rotante d'acciaio fine e poi li ho spruzzati con vernice acrilica trasparente lucida per conservarli così più a lungo possibile:

Allegato:
DSCF5287P.jpg
DSCF5287P.jpg [ 159.2 KiB | Osservato 1241 volte ]


Il nostro caro amico Vorian, dice che i motivi ornamentali non sono precolombiani e, in effetti i volti Maya ed Atzechi avevano lineamenti molto diversi. Però sappiamo che tra il tardo liberty e il primo Art Decò i creatori di mobili, statue e orologi si ispirarono spesso all' antico Egitto e all'arte precolombiana. Poichè non mi sembrano di ispirazione egizia, ho propeso per l'arte percolombiana, ma comunque filtrata attraverso una sensibilità estetica del tutto francese. I profili Maja non erano belli secondo l'ideale di bellezza europeo e francese e quindi sono stati sostituiti da volti europei con appena qualche tratto esotico, come le labbra un po' più pronunciate, mentre il decoro astratto si ispira al sudamerica e diviene esotico tramite, per esempio, l'uso di spezzate al posto di linee curve.

Insomma a mio avviso non si tratta di una imitazione modellistica di motivi precolombiani veri, ma solo di un esotismo leggero vagamente ispirato. Se qualcuno però è in grado di confutare questa mia ipotesi e può identificare con maggiore precisione lo stile dei volti e del decoro, lo pregheri di farlo perchè sarei il primo ad essere curioso di conoscere i riferimenti più corretti.


Lo stesso trattamento di lucidatura l'ho riservato alla luinetta del quadrante per la quale ho trovato su eBay inglese un vetro molato di diametro corretto, che prima o poi arriverà

Allegato:
DSCF5285P.jpg
DSCF5285P.jpg [ 118.54 KiB | Osservato 1241 volte ]


Resta la cassa, con la sua aria sofferta (specialmente il coperchio posteriore) che ho deciso di sabbiare per dargli un nuovo manto di vernice nera a spruzzo. Vorrei usare una vernice resistente, che non si graffi con troppa facilità ... ancora non so cosa sceglierò e molto dipenderà dall' offerta che potrò trovare nei negozi locali. Il sabbiatore mi ha ocnsigliato una verniciatura a polveri, per la quale ci sarebbe una ditta specializzata in zona, ma mi chiedo se non sarebbe un approccio troppo moderno.

Qualcuno ha idea di come potesse essere stata trattata originariamente la cassa di lamiera spessa d'acciaio comune (ferro) negli anni dal 1910 al 1930 ?

Piccolo aneddoto: l'artigiano cui ho portato la cassa per la sabbiatura, quando ha saputo che per hobby revisiono pendole, mi ha trascinato nel suo ufficio dicendomi "forse sei il mio regalo di Natale!" ... infatti nel suo ufficio c'era una pendola Biedermeier inizi '900 della Kienzle che gli si fermava ogni pochi minuti. Detto fatto abbiamo barattato la sabbiatura con la revisione della pendola, il cui movimento ho portato via con me e costituirà argomento del mio prossimo post.

_________________
Non basta sapere, occorre anche applicare;
non basta l'intenzione, bisogna anche fare.
(W. Goethe)


Top
 Profilo  
 

Re: un orologio Japy in lamiera.
MessaggioInviato: domenica 30 dicembre 2018, 14:17 
Non connesso
Amministratore
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 28 giugno 2006, 21:58
Messaggi: 25337
Località: Torino
Provincia: TO
Abbaglia tanto sono lucidi i componenti!! ::-bravo2
Ti seguo con interesse :2thumbs:
Auguri!!
Fabry

_________________
Immagine Immagine
La più alta forma di coraggio è il coraggio di creare..


Top
 Profilo  
 

Re: un orologio Japy in lamiera.
MessaggioInviato: domenica 30 dicembre 2018, 17:23 
Non connesso
Advanced User
Advanced User
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 18 luglio 2012, 10:53
Messaggi: 1715
Località: Milano
Comare ha scritto:
... abbiamo barattato la sabbiatura con la revisione della pendola


Guido, vedo con piacere che non sono l'unico a fare "gli affari di Maria Calzetta"....


:hallo: carlo

_________________
Aiuta qualcuno quando è nei guai e lui si ricorderà di te, quando sarà nei guai di nuovo.


Top
 Profilo  
 

Re: un orologio Japy in lamiera.
MessaggioInviato: domenica 30 dicembre 2018, 17:50 
Non connesso
Curatore Orologiko
Curatore Orologiko
Avatar utente

Iscritto il: martedì 30 giugno 2015, 12:43
Messaggi: 1422
Località: Colle Val d'Elsa
Provincia: SI
Cita:
Guido, vedo con piacere che non sono l'unico a fare "gli affari di Maria Calzetta"....


:smile: :smile: :smile:

credo che siamo in tanti ... e ci ho messo tutta la cura e l'attenzione possibili, come fosse una specie di esame.

Forse, prima o poi, mi farò pagare o meglio, mi dovrò far pagare visto che non so cosa succederà della mia pensione nei prossimi anni.

_________________
Non basta sapere, occorre anche applicare;
non basta l'intenzione, bisogna anche fare.
(W. Goethe)


Top
 Profilo  
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 54 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Lucio1974 e 26 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a: