Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 13 messaggi ] 
 

...proseguendo di alcune decine d'anni
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mercoledì 12 giugno 2019, 6:21 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: martedì 30 gennaio 2007, 6:11
Messaggi: 5496
Località: Pavia
Facendo un balzo avanti nel tempo, dopo l'orologio con chatelaine visto qualche giorno fà, arriviamo a quest'orologio degli inizi dell'800.
Allegato:
SNV80172.JPG
SNV80172.JPG [ 185.05 KiB | Osservato 380 volte ]

Si tratta di un orologio con cassa in oro con ripetizione di quarti. L'ispiratore dello stile e del meccanismo è sicuramente Breguet, ma purtroppo non il suo esecutore.
Anche la chiavetta che gira solo nel verso di carica, l'ha inventata lui. Lo stesso per le lancette, l'ampio e pulito quadrante con cifre arabe, la cassa godronata sui bordi,
Allegato:
SNV80175b.jpg
SNV80175b.jpg [ 112.46 KiB | Osservato 380 volte ]

Il coprimovimento è in ottone dorato ed indica che lo scappamento a cilindro è in rubino (ampiamente utilizzato da Breguet) e che 6 fori sono guarniti da veri rubini.
Allegato:
SNV80174.JPG
SNV80174.JPG [ 804.82 KiB | Osservato 380 volte ]

Anche il disegno del movimento, inclusa la suoneria su gong (utilizzata per primo da Breguet che così abolendo la campana riuscì ad avere un minore spessore della cassa) sono simili agli orologi da lui firmati.
Se sul quadrante ci fosse la sua firma segreta, il valore dell'orologio farebbe un balzo stratosferico, ma a me piace anche così peccato che posso vederlo, come voi, solo in foto.
Giuseppe

_________________
entusiasta

Immagine


Top
 Profilo  
 

Re: ...proseguendo di alcune decine d'anni
MessaggioInviato: mercoledì 12 giugno 2019, 9:11 
Connesso
Esperto Collezionista Polso
Esperto Collezionista Polso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 12 agosto 2014, 15:03
Messaggi: 8861
Provincia: Napoli
:2thumbs: Il quadrante è uno spettacolo! :rate10:

_________________
La vita è lotta ma la lotta è vita!


Top
 Profilo  
 

Re: ...proseguendo di alcune decine d'anni
MessaggioInviato: mercoledì 12 giugno 2019, 10:24 
Connesso
Senior User
Senior User

Iscritto il: mercoledì 11 luglio 2018, 18:54
Messaggi: 444
Provincia: CATANIA
Molto bello anche questo, si nota però subito la tua tristezza che ti dà il fatto di dover tenere, giustamente, i tuoi tesori lontano da te.
A questo punto il mio consiglio è: Rinuncia al prossimo acquisto, che magari hai già in programma, riporta i tuoi tesori a casa dotandoti di un sistema di sicurezza
che ti possa dare tranquillità, e goditi lo spettacolo di queste meraviglie, si vive solo una volta.
Purtroppo.

ciao giampiero

P.S. Credo di aver capito che potresti parlarne con Fabrizio.


Top
 Profilo  
 

Re: ...proseguendo di alcune decine d'anni
MessaggioInviato: mercoledì 12 giugno 2019, 13:03 
Connesso
Advanced User
Advanced User
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 3 aprile 2015, 18:15
Messaggi: 1318
Località: Roma
Provincia: Roma
il ponte in basso a "zampetta d'orso" mi fa impazzire.. molto bello.. complimenti...

Giuseppe.. se posso permettermi... non si può vivere una vita di "vorrei, ma non posso".. il problema che esponi è reale.. sono d'accordo.. ma io, da tempo, ho cominciato a guardare i problemi alla rovescia.. Se volessi fare lo "scalatore" non posso non farlo perchè aumento i rischi di farmi male ed uccidermi.. Se ho la passione lo faccio perchè l'alternativa a questo, ed ad un numero sterminato di situazioni, è solo l'immobilismo e la repressione che porta depressione e mortifica i ns sacrifici. E' ovvio utilizzare un minimo di buon senso (un buon impianto di allarme come consigliava Gianpiero), ma uccidere le passioni, proprio no.. Hai detto in più di un'occasione che la tua discendenza non è interessata alla tua passione.. è un fatto !! mi dispiace, ma condivido anch'io lo stesso problema.. Le mie figlie mi hanno detto: "papà.. ma perchè collezioni tutti quei tasca?? non vanno più di moda!! ".. immagina la mia faccia ed il mio stato d'animo.. La vita è un battito di ciglia.. troppo breve per privarsi di ciò che ci da gioia.. a maggior ragione se hai la consapevolezza e la serenità che questa passione non ha tolto nulla alla tua famiglia.. Quindi, siccome non sai più che fine faranno i tuoi orologi quando (tra cento anni) lascerai Orologiko e tutti i tuoi cari, la valutazione diventa semplice.. Goderteli fino a quel giorno dando un senso alla tua passione e rischiando forse un furto che te ne priverebbe in maniera anticipata, oppure lasciarli dove sono e guardarli solo in foto, senza toccarli, come... se te li avessero rubati davvero !!! io la mia scelta l'ho fatta.. fidati.. fai la tua... e scegli bene..

_________________
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma non sono sicuro della prima - Albert Einstein


Top
 Profilo  
 

Re: ...proseguendo di alcune decine d'anni
MessaggioInviato: mercoledì 12 giugno 2019, 16:34 
Connesso
Esperto Collezionista Polso
Esperto Collezionista Polso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 12 agosto 2014, 15:03
Messaggi: 8861
Provincia: Napoli
roberts17 ha scritto:
il ponte in basso a "zampetta d'orso" mi fa impazzire.. molto bello.. complimenti...

Giuseppe.. se posso permettermi... non si può vivere una vita di "vorrei, ma non posso".. il problema che esponi è reale.. sono d'accordo.. ma io, da tempo, ho cominciato a guardare i problemi alla rovescia.. Se volessi fare lo "scalatore" non posso non farlo perchè aumento i rischi di farmi male ed uccidermi.. Se ho la passione lo faccio perchè l'alternativa a questo, ed ad un numero sterminato di situazioni, è solo l'immobilismo e la repressione che porta depressione e mortifica i ns sacrifici. E' ovvio utilizzare un minimo di buon senso (un buon impianto di allarme come consigliava Gianpiero), ma uccidere le passioni, proprio no.. Hai detto in più di un'occasione che la tua discendenza non è interessata alla tua passione.. è un fatto !! mi dispiace, ma condivido anch'io lo stesso problema.. Le mie figlie mi hanno detto: "papà.. ma perchè collezioni tutti quei tasca?? non vanno più di moda!! ".. immagina la mia faccia ed il mio stato d'animo.. La vita è un battito di ciglia.. troppo breve per privarsi di ciò che ci da gioia.. a maggior ragione se hai la consapevolezza e la serenità che questa passione non ha tolto nulla alla tua famiglia.. Quindi, siccome non sai più che fine faranno i tuoi orologi quando (tra cento anni) lascerai Orologiko e tutti i tuoi cari, la valutazione diventa semplice.. Goderteli fino a quel giorno dando un senso alla tua passione e rischiando forse un furto che te ne priverebbe in maniera anticipata, oppure lasciarli dove sono e guardarli solo in foto, senza toccarli, come... se te li avessero rubati davvero !!! io la mia scelta l'ho fatta.. fidati.. fai la tua... e scegli bene..


:2thumbs: Giusta riflessione cui sono giunto anche io da un po' di tempo e che mi permette di indossare serenamente l'orologio che voglio anche in estate e con maniche corte godendomeli! Se qualcuno evito di indossarlo e stressarlo troppo..è solo perché oramai lo tengo più come "pezzo da museo" e non voglio correre il rischio di rovinarlo e renderlo inservibile....detto questo..la vita è (troppo) breve per non godere di ciò che ci regala sia pure un solo attimo di piacere.
(neppure i miei (probabili) eredi sono molto interessati agli orologi e posso tranquillamente prevedere che alla mia morte andranno venduti o "svenduti" tutti!) :oops:
Poi, ovviamente, ciascuno è libero di vivere la propria vita come desidera e parlo unicamente dal mio personale punto di vista :roll: .

_________________
La vita è lotta ma la lotta è vita!


Top
 Profilo  
 

Re: ...proseguendo di alcune decine d'anni
MessaggioInviato: mercoledì 12 giugno 2019, 18:10 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: martedì 30 gennaio 2007, 6:11
Messaggi: 5496
Località: Pavia
In effetti mi date tutti dei saggi consigli, confesso che ogni tanto a qualcuno riesco a dare una sbirciatina ,ma non ai pezzi più importanti. Comunque ormai è da diversi anni che ho rinunciato agli acquisti ed ho 'sublimato' la mia passione parlandone in questo forum e scrivendo di cose belle che vedo o leggo. Quindi non ho tristezze ma casomai il rammarico di non poter trasmettere, non vendendola, una collezione, numericamente non esagerata ma interessante per diversi pezzi che hanno un valore significativo nella storia dell'orologeria.
Poi ho la speranza nel mio nipotino... ma dovrei vivere a lungo (a dir la verità non mi dispiacerebbe :grin: )
Una piccola aggiunta all'orologio di sopra: sapevate che Breguet è l'inventore della cuvette? cioè di quel coperchio fra fondello e movimento. L'ho letto stamattina in L'Horlogerie di E. Gelis.
Giuseppe

_________________
entusiasta

Immagine


Top
 Profilo  
 

Re: ...proseguendo di alcune decine d'anni
MessaggioInviato: mercoledì 12 giugno 2019, 18:52 
Connesso
Amministratore
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 22 gennaio 2015, 14:36
Messaggi: 8100
Provincia: Milano
roberts17 ha scritto:
il ponte in basso a "zampetta d'orso" mi fa impazzire.. molto bello.. complimenti...

Giuseppe.. se posso permettermi... non si può vivere una vita di "vorrei, ma non posso".. il problema che esponi è reale.. sono d'accordo.. ma io, da tempo, ho cominciato a guardare i problemi alla rovescia.. Se volessi fare lo "scalatore" non posso non farlo perchè aumento i rischi di farmi male ed uccidermi.. Se ho la passione lo faccio perchè l'alternativa a questo, ed ad un numero sterminato di situazioni, è solo l'immobilismo e la repressione che porta depressione e mortifica i ns sacrifici. E' ovvio utilizzare un minimo di buon senso (un buon impianto di allarme come consigliava Gianpiero), ma uccidere le passioni, proprio no.. Hai detto in più di un'occasione che la tua discendenza non è interessata alla tua passione.. è un fatto !! mi dispiace, ma condivido anch'io lo stesso problema.. Le mie figlie mi hanno detto: "papà.. ma perchè collezioni tutti quei tasca?? non vanno più di moda!! ".. immagina la mia faccia ed il mio stato d'animo.. La vita è un battito di ciglia.. troppo breve per privarsi di ciò che ci da gioia.. a maggior ragione se hai la consapevolezza e la serenità che questa passione non ha tolto nulla alla tua famiglia.. Quindi, siccome non sai più che fine faranno i tuoi orologi quando (tra cento anni) lascerai Orologiko e tutti i tuoi cari, la valutazione diventa semplice.. Goderteli fino a quel giorno dando un senso alla tua passione e rischiando forse un furto che te ne priverebbe in maniera anticipata, oppure lasciarli dove sono e guardarli solo in foto, senza toccarli, come... se te li avessero rubati davvero !!! io la mia scelta l'ho fatta.. fidati.. fai la tua... e scegli bene..



Concordo . Riflessione equilibrata !

_________________
Vorrei che fosse oggi..in un attimo già domani..per iniziare per stravolgere tutti i miei piani...


Immagine


Top
 Profilo  
 

Re: ...proseguendo di alcune decine d'anni
MessaggioInviato: giovedì 13 giugno 2019, 22:03 
Non connesso
Amministratore
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 28 giugno 2006, 22:58
Messaggi: 24439
Località: Torino
Provincia: TO
+entusiasta ha scritto:
In effetti mi date tutti dei saggi consigli, confesso che ogni tanto a qualcuno riesco a dare una sbirciatina ,ma non ai pezzi più importanti. Comunque ormai è da diversi anni che ho rinunciato agli acquisti ed ho 'sublimato' la mia passione parlandone in questo forum e scrivendo di cose belle che vedo o leggo. Quindi non ho tristezze ma casomai il rammarico di non poter trasmettere, non vendendola, una collezione, numericamente non esagerata ma interessante per diversi pezzi che hanno un valore significativo nella storia dell'orologeria.
Poi ho la speranza nel mio nipotino... ma dovrei vivere a lungo (a dir la verità non mi dispiacerebbe :grin: )
Una piccola aggiunta all'orologio di sopra: sapevate che Breguet è l'inventore della cuvette? cioè di quel coperchio fra fondello e movimento. L'ho letto stamattina in L'Horlogerie di E. Gelis.
Giuseppe


Ciao Carissimo,
bellissimo orologio da tasca, il movimento in effetti ricorda e possiamo dire praticamente "identico" ad Breguet, magari c'è la sua mano e non ha solo apposto la firma.
Non sapevo che la cuvette era un invenzione di Breguet, si impara sempre qualcosa di nuovo, grazie!!
Ritornando al discorso se tenere gli orologi in cassetta piuttosto che a casa, ovviamente i rischi sono a sfavore della propria abitazione sia per eventuali furti che come tristemente leggiamo dalla cronaca anche per le rapine..
Ci si può dotare di sistemi di sicurezza, telecamere, antirapina e collegamento con le forze dell'ordine, ma bisogna essere anche meticolosi nell'utilizzo, ad esempio da me sono attivi 24 su 24 e disattivo solo la porzione di casa in cui esterno o interno decido di andare, altrimenti avere anche un sistema super sofisticato perde d' efficacia.
Se li dovessi tenere in cassetta di sicurezza, credo che li andrei a prendere e terrei in casa a rotazione, ad esempio ne prendo 2 alla volta e li cambio con altri 2 al prossimo giro in banca, in questo modo anche in caso di furto ( difficile se ben nascosti ) limiterei il danno rispetto ad un furto totale, ma nel contempo potrei godermeli, fotografarli, pulirli con un buon panno e perchè no caricarli un po per farli "girare".
Ciaoo Fabry

_________________
Immagine Immagine
La più alta forma di coraggio è il coraggio di creare..


Top
 Profilo  
 

Re: ...proseguendo di alcune decine d'anni
MessaggioInviato: giovedì 13 giugno 2019, 22:30 
Non connesso
Senior User
Senior User
Avatar utente

Iscritto il: domenica 4 febbraio 2018, 16:29
Messaggi: 612
Località: bassa valsusa
Provincia: Torino
Caro Giuseppe +entusiasta da ex bancario con una vita passata tra mutui, caveau, cassette di sicurezza ecc. ti posso garantire che le cose riposte in cassetta non sono sicure al 100%.
Ricordo un colpo ad una filiale molto importante di Torino, negli anni '90 del secolo scorso, ove in un week end i ladri penetrarono nel caveau (dopo che erano stati manomessi tutti i sistemi di allarme) ed aprirono tutte le cassette di sicurezza prelevando solo i valori facilmente monetizzabili svotando e accatastando tutto il resto nel centro del salone.
Andandosene, guarda caso, asportarono le schede dell'impianto di sicurezza.
I giorni seguenti fu un calvario e un grandissimo problema dover riassegnare ai legittimi proprietari, dopo averli individuati con certezza i loro averi. Non fu né facile né piacevole dover raggiungere la certezza del danno subito da ognuno di loro ai fini del risarcimento.
Inoltre è bene accertarsi del tasso di umidità che ristagna nelle cassette, che non sempre è l'ideale.
Il consiglio di Fabrizio lo trovo eccellente.
Un caro saluto.
Alberto

_________________
Le battaglie che si perdono sono quelle che si abbandonano.


Top
 Profilo  
 

Re: ...proseguendo di alcune decine d'anni
MessaggioInviato: giovedì 13 giugno 2019, 22:44 
Non connesso
Master Senator
Master Senator
Avatar utente

Iscritto il: sabato 3 luglio 2010, 15:56
Messaggi: 5669
Località: Svizzera / Ticino & Berna
Provincia: TI
Una possibilità interessante é quella di fare un prestito a un museo.

Avviene regolarmente per le opere d'arte.A volte in caso di prestito prolungato il museo si fa carico anche dei costi di restauro (per i dipinti).

Può anche essere interessante se si vuole tramandare e conservare la propria collezione prevedere clausule nel testamento (collezione indissolubile, divieto di vendita ecc).

Molti creano delle fondazioni per tramandare ai prossimi quanto raccolto con impegno e dedizione nella vita terrena.

Saluti
Christian

_________________
________________
Se quanto scritto può avere un doppio senso, ed uno di questi vi offende, io intendevo certamente l'altro.


Top
 Profilo  
 

Re: ...proseguendo di alcune decine d'anni
MessaggioInviato: venerdì 14 giugno 2019, 17:23 
Connesso
Senior User
Senior User

Iscritto il: mercoledì 11 luglio 2018, 18:54
Messaggi: 444
Provincia: CATANIA
Altolà a causa mia abbiamo trasformato un post, partito con uno splendido orologio, in un'assalto nei confronti di Giuseppe.
Mi rimangio tutto .
Splendido orologio, al solito tra le righe qualcosa da imparare, niente da aggiungere data la mia conosciuta e riconosciuta ignoranza e la preghiera di continuare a deliziarci con i tuoi orologi.

giampiero


Top
 Profilo  
 

Re: ...proseguendo di alcune decine d'anni
MessaggioInviato: sabato 15 giugno 2019, 6:23 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: martedì 30 gennaio 2007, 6:11
Messaggi: 5496
Località: Pavia
Oldtime ha scritto:
+entusiasta ha scritto:
In effetti mi date tutti dei saggi consigli, confesso che ogni tanto a qualcuno riesco a dare una sbirciatina ,ma non ai pezzi più importanti. Comunque ormai è da diversi anni che ho rinunciato agli acquisti ed ho 'sublimato' la mia passione parlandone in questo forum e scrivendo di cose belle che vedo o leggo. Quindi non ho tristezze ma casomai il rammarico di non poter trasmettere, non vendendola, una collezione, numericamente non esagerata ma interessante per diversi pezzi che hanno un valore significativo nella storia dell'orologeria.
Poi ho la speranza nel mio nipotino... ma dovrei vivere a lungo (a dir la verità non mi dispiacerebbe :grin: )
Una piccola aggiunta all'orologio di sopra: sapevate che Breguet è l'inventore della cuvette? cioè di quel coperchio fra fondello e movimento. L'ho letto stamattina in L'Horlogerie di E. Gelis.
Giuseppe


Ciao Carissimo,
bellissimo orologio da tasca, il movimento in effetti ricorda e possiamo dire praticamente "identico" ad Breguet, magari c'è la sua mano e non ha solo apposto la firma.
Non sapevo che la cuvette era un invenzione di Breguet, si impara sempre qualcosa di nuovo, grazie!!
Ritornando al discorso se tenere gli orologi in cassetta piuttosto che a casa, ovviamente i rischi sono a sfavore della propria abitazione sia per eventuali furti che come tristemente leggiamo dalla cronaca anche per le rapine..
Ci si può dotare di sistemi di sicurezza, telecamere, antirapina e collegamento con le forze dell'ordine, ma bisogna essere anche meticolosi nell'utilizzo, ad esempio da me sono attivi 24 su 24 e disattivo solo la porzione di casa in cui esterno o interno decido di andare, altrimenti avere anche un sistema super sofisticato perde d' efficacia.
Se li dovessi tenere in cassetta di sicurezza, credo che li andrei a prendere e terrei in casa a rotazione, ad esempio ne prendo 2 alla volta e li cambio con altri 2 al prossimo giro in banca, in questo modo anche in caso di furto ( difficile se ben nascosti ) limiterei il danno rispetto ad un furto totale, ma nel contempo potrei godermeli, fotografarli, pulirli con un buon panno e perchè no caricarli un po per farli "girare".
Ciaoo Fabry

Caro Fabrizio innanzi tutto grazie per i suggerimenti, ma per rispondere all'evidenziato e tornare al tema princiipale (gli orologi) vorrei spiegare anche come nascono questi orologi.
Ai tempi di Breguet non esisteva nessuna penalizzazione (civile o penale) sull'uso abusivo del nome di un orologiaio famoso su orologi fatti da altri.
Di questo si lamentarono sia Julien Le Roy che Breguet anche se, in parte, anche loro furono responsabili del fenomeno.
Per quanto riguarda Julien Le Roy, alla sua morte il figlio Pierre continuò l'attività paterna mantenendo il nome del padre sugli orologi venduti, e firmando con il suo nome solo i cronometri marini da lui inventati. Di questa mancanza di correlazione fra la produzione paterna e quella successiva, ne approfittarono molti orologiai (la maggior parte svizzeri) che vendettero orologi con il suo nome in Europa ma principalmente sul mercato turco.
Invece, per quanto riguarda Breguet, i suoi orologi, benchè costosissimi, erano molto richiesti e per poter evadere gli ordini in tempi soddisfcenti, si rivolse a diversi orologiai subfornitori (principalmente svizzeri) che dopo aver superato un attento esame sulla qualità, gli fornivano orologi, su sue specifiche, completi o semilavorati a cui Breguet apponeva la firma.
Naturalmente non è da escludere che quelli con meno scrupoli li vendessero anche con il suo nome. Ritengo che l'orologio che ho mostrato appartenga a questo tipo di produzione parallela e che comunque non può essere dichiarato ' falso d'epoca', perchè non porta il nome di Breguet nè alcun altro elemento identificativo della maison. E' solo un simil Breguet. :D
Giuseppe

_________________
entusiasta

Immagine


Top
 Profilo  
 

Re: ...proseguendo di alcune decine d'anni
MessaggioInviato: domenica 16 giugno 2019, 11:55 
Non connesso
collaboratore
collaboratore
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 26 giugno 2014, 17:25
Messaggi: 607
Località: Pizzighettone
Provincia: Cremona
In poche parole come si usava dire per i grandi pittori: "della bottega, dellla scuola, degli allievi di..." questo orologio potrebbe essere "della bottega di Breguet". Attribuendogli così un valore particolare, perchè comunque eseguito sotto la supervisone del maestro orologiaio.
Grazie comunque a +entusiata ed oldtime per i vostri post che m'insegnano sempre qualcosa di nuovo.

_________________
Il fascino degli orologi: rendono concreta e visibile una cosa astratta come il tempo, che non si vede e non si tocca, eppure c’è.
(Fausto Gianfranceschi)


Top
 Profilo  
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 13 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Ciccio60, luca1o e 36 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a: