Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
 

Rifare albero di carica
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lunedì 17 luglio 2006, 18:42 
Connesso
Amministratore
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 28 giugno 2006, 22:58
Messaggi: 24861
Località: Torino
Provincia: TO
CRIV 37 scrive:
salve sono nuovo del forum saluto tutti voi,mi chiamo mario e sono,appassionato di orologi e mi piace anche ripararli ( quando ci riesco)ora sono alle prese con un orologio da tasca movimento che non conosco penso anni 30/35 sono riuscito ad addatargli un asse del bilanciere e sembra che funzioni, mi manca però l albero di carica, dovrei costruirlo ma non sò come
fare, possego solo un mandrino e delle limette a grana fine. Qualcuno potrebbe
aiutarmi e darmi dei consigli ? Grazie e salutoni. mario
--------------------------------------------------------------------------------------
Risposta famar:

Provo a risponderti. Spero che gli orologiai professionisti non mi critichino troppo, del resto non tutti (specie all'inizio) possono permettersi torni e fresatrici per ruote.
La modifica di un alberino già esistente è molto difficile perchè il pezzo è di acciaio già temperato.
Quando avevo solo la tua attrezzatura facevo così:
Rilevazione delle misure dell'alberino ricavate dagli organi di carica presenti.
Reperimento di filo di acciaio da tempera.
Bloccaggio del Dremel nella morsa (o in qualche altro modo). Inserimento del filo di acciaio nel mandrinetto.
Con un'ottima limetta (a grana extrafine), e mano in appoggio obbligatorio, si inizia a tornire la puntina dell'alberino, della lunghezza necessaria e di diametro un po' eccedente.
Ora devi tornire la "gola" dove alloggerà il dente di tenuta dell'alberino. Probabilmente per realizzare questa parte dovrai modificare una limetta molandola e riducendola alla larghezza necessaria.
Ora non ti rimane che realizzare il quadrello centrale.
Farlo con tutte le facce uguali e centrate rispetto all'asse di simmetria non è semplice ma...te la sei cercata...
Consolati, gli orologi da tasca tollerano parecchio.
Filetta il gambo terminale (e qui le femminucce sono necessarie) .
Ripassa tutto con dello smeriglio finissimo (una carta 1200) e prova il pezzo.
Quando vedi che fa il suo lavoro devi temperare l'acciaio.
Scaldi il pezzetto sul fornello fino ad un bel rosso luminoso quindi lo tuffi rapidamente in un bicchierino contenente olio.
Ora è fragilissimo e lo devi rinvenire.
Con la 1200 togli la patina grigiastra che si è formata e riporti il metallo al suo colore.
Prendi un accendino e muovendo l'alberino sulla fiamma (mai fermarsi in un punto) continui fino a che l'acciaio diventa violaceo. Levalo dal calore e fallo raffreddare lentamente.
Fine. In bocca al lupo.
Non ti scoraggiare, con quella attrezzatura feci un alberino per orologio da donna anni 30. (parecchi anni fa)


Top
 Profilo  
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Attila34, Capriolo75, russomando, Saxx86 e 76 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
cron