Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 
 

il Tornek Rayville TR-900
Autore Messaggio
MessaggioInviato: sabato 28 settembre 2019, 19:14 
Non connesso
collaboratore
collaboratore
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 26 giugno 2014, 17:25
Messaggi: 695
Località: Pizzighettone
Provincia: Cremona
Nel 1966, con la guerra del Vietnam al suo apice, un marine degli Stati Uniti chiamato Maurice J. Jacques, un sergente dell'elite Force Recon Battalion, ricevette un nuovo orologio: un Tornek-Rayville TR-900. Questa è la storia degli orologi e degli uomini che li indossavano.
La vecchia saga è che i generali si preparavano sempre a combattere l'ultima guerra, ma questo non era il caso degli Stati Uniti alla fine della seconda guerra mondiale, quando si trovarono ad essere l'unica potenza nucleare del mondo. Quindi, piuttosto che sviluppare nuovi carri armati, navi e aerei usando le lezioni apprese durante il recente conflitto, tutti gli sforzi sono andati verso metodi di consegna di munizioni nucleari. L'esercito ha sviluppato nuovi howitzer in grado di sparare proiettili nucleari e persino uno zaino nucleare per i commando che si nascondono dietro le linee nemiche. L'aeronautica produsse bombardieri progettati per trasportare le bombe e equipaggiò i suoi combattenti difensivi con missili aria-aria a punta nucleare. La marina, alla disperata ricerca di un ruolo, equipaggiò alcuni dei suoi sottomarini con una versione aggiornata della V1 tedesca "Buzz Bomb", chiamata "Loon", che prevedeva di essere dotata di una testata nucleare.
Mentre procedevano queste mosse, venivano eliminate le armi convenzionali, l'aeronautica demoliva quasi l'80% dei suoi aerei, mentre la marina decise di smantellare circa i due terzi delle sue portaerei. Mentre ciò avveniva con il materiale, venivano fatti tagli ancora più drastici alla forza lavoro delle forze statunitensi. Si credeva che nelle nuove guerre nucleari del futuro ci sarebbe stato poco bisogno di grandi eserciti di uomini per conquistare fisicamente il terreno, né ci sarebbe stato molto uso per le piccole unità delle forze speciali che erano nate durante la seconda guerra mondiale.
Quelle forze speciali includevano gli UDT della Marina (Squadre di demolizione subacquea), che erano stati formati perché, per gli Alleati, la Seconda Guerra Mondiale era una guerra di invasione; dall'Operazione nordamericana Torch nel 1942, in Sicilia l'anno successivo e il D-Day nel 1944 - per non parlare delle dozzine di isole del Pacifico che dovevano essere riconquistate. La guerra era incentrata sugli alleati che mettevano a terra truppe sul territorio occupato, che era pesantemente difeso e, molto probabilmente, minato. Quindi è emersa la necessità per i subacquei di riconquistare le spiagge prima degli sbarchi, contrassegnare gli ostacoli, disarmare le miniere e testare il terreno per vedere se avrebbe supportato i veicoli che sarebbero sbarcati su di essa.
Sviluppi subacquei
Il problema principale era che gli unici subacquei della Marina degli Stati Uniti erano della vecchia scuola, che indossava mute da sub in gomma pesante, stivali di piombo e caschi di ottone. Si affidavano a tubi per fornire aria e venivano normalmente impiegati dalla marina per ripulire i cirripedi dagli scafi delle navi e fare riparazioni subacquee - quasi sempre mentre le navi erano in banchina. Questi subacquei erano inutili per il lavoro di sgombero della spiaggia, quindi è stato formato un nuovo quadro. Invece di diverse centinaia di libbre di muta da sub e pesi, non indossavano altro che: mute, pinne, una maschera e un orologio. L'orologio era vitale in quanto sarebbero stati lasciati di notte da un sottomarino o da una canoa e avrebbero dovuto incontrarsi per il prelievo in un momento preciso.
Nessuna azienda al mondo, al momento, oltre a Panerai, produceva orologi subacquei speciali, quindi la Marina degli Stati Uniti si rivolse ai produttori di orologi domestici per chiedere aiuto, e il risultato furono i cosiddetti orologi "Mensa"; si trattava di orologi di piccole dimensioni, di soli 31 mm di diametro e la corona di carica era protetta da un tappo a vite montato su un tubo di protezione. Ciò ha dato agli orologi il loro soprannome. La maggior parte degli orologi della Seconda Guerra Mondiale sono stati realizzati da Hamilton, utilizzando il loro calibro 978 da 17 gioielli, che è stato modificato per il lavoro convertendolo con l'installazione di un meccanismo di hacking. Il calibro risultante è stato rinominato 987S. Fino alla metà degli anni '50, la Marina degli Stati Uniti stava ancora ordinando questi orologi e li stava lanciando ai sub nei primi anni '60.
Mentre gli Stati Uniti si stavano preparando per l'Armageddon nucleare, costruendo la loro flotta sottomarina Polaris e sfornando squadroni di bombardieri B52, due dei suoi alleati in guerra erano impegnati in conflitti post-coloniali su scala molto più piccola. I capi dello staff congiunto negli Stati Uniti videro la sconfitta francese in Indocina, dove avevano tentato di usare le tattiche della Seconda Guerra Mondiale contro un esercito ribelle e videro anche il successo quasi simultaneo britannico in Malesia, dove usarono contro-bande di piccole dimensioni per aggredire gli insorti piuttosto che indulgere in grandi battaglie. Pur osservando tutto ciò, erano consapevoli della diffusione delle insurrezioni comuniste in Medio Oriente, Indocina e America Latina e si resero conto che bisognava fare qualcosa.
Nel settembre del 1962, il presidente Kennedy pronunciò il suo famoso discorso impegnando gli Stati Uniti a sbarcare un uomo sulla luna prima della fine di quel decennio. Ciò che non è così noto è il discorso che ha tenuto tre mesi prima alla classe di laurea presso la West Point Military Academy. In esso disse che non era più l'Era Nucleare, piuttosto era l'Era dell'Insurrezione e che le Forze armate statunitensi ora avevano bisogno di più forze speciali. Nei mesi successivi, fu quello che successe.
SIGILLARE l'affare
I subacquei UDT della Marina furono riorganizzati e ampliati e poi ribattezzati come SEAL (squadre Sea, Air Land), mentre l'equivalente marino degli Stati Uniti, il Force Reconnaissance Regiment, fu ampliato in maniera massiccia. Le due unità lavoravano spesso insieme, con i SEAL che sorvegliavano la spiaggia e le maree, mentre i ragazzi di Force Recon si spostavano nell'entroterra per individuare posizioni nemiche e rotte di ingresso / uscita per le truppe che li avrebbero seguiti.
Con l'espansione delle forze speciali arrivarono nuove attrezzature. I SEAL sono stati tra i primi ad essere emessi con il nuovo fucile M16, mentre il personale Force Recon era i primi praticanti del paracadutismo HALO (salto ad alta quota con apertura a bassa quota dei loro paracaduti) al fine di sfuggire all'essere individuato lungo la discesa. Tra le nuove attrezzature c'era un nuovo orologio da immersione, adatto sia per i SEAL / UDT sia per il Force Recon, un moderno orologio da immersione con movimento a carica automatica, una ghiera girevole per monitorare i tempi di immersione e una valutazione di profondità sostanziale
La specifica navale MIL-W-2217.6A (SHIPS) prevedeva un orologio in grado di funzionare fino a una profondità di 400 piedi, con una precisione di almeno 30 secondi al giorno e senza alcuna influenza magnetica. In base al "Buy American Act" la specifica è andata a tutte le principali compagnie di orologi statunitensi - Elgin, Hamilton e Waltham. Tuttavia, poiché la richiesta iniziale era di soli 1.000 orologi, nessuno di loro pensava che il contratto potesse essere adempiuto in modo redditizio e che le sfide legate alla costruzione e al collaudo fossero troppo impegnative.
Mentre un'altra società, la Bulova, costruì diversi prototipi che furono testati dalla Marina degli Stati Uniti, fallirono miseramente. Tuttavia, c'era una società americana che pensava di avere una possibilità. Allen Tornek era l'importatore statunitense della Rayville Watch Company, di Villeret, in Svizzera, che produceva orologi con il nome Blancpain e produceva anche orologi per grandi magazzini e altri gioiellieri al dettaglio che non avevano le proprie strutture produttive.
Tornek e Rayville erano interessati per un paio di ragioni: in primo luogo, un ordine di 1.000 orologi era sostanziale; e in secondo luogo, hanno avuto un vantaggio rispetto alle altre società in quanto Rayville stava già producendo un orologio da sub: il Blancpain Fifty Fathoms.
Ma il requisito per rendere l'orologio completamente amagnetico (un orologio antimagnetico è uno in cui il movimento è protetto da influenze magnetiche esterne, mentre un orologio amagnetico è uno che non ha parti in esso che possono essere influenzate dal magnetismo) è stata la sfida maggiore . Ciò ha richiesto l'acciaio speciale per la cassa da importare dalla Svezia, con una composizione completamente diversa dall'acciaio inossidabile normalmente utilizzato per i quadranti. Il compromesso che ciò comportava era che l'acciaio non era affatto resistente.
Luci brillanti
Ci sono voluti quasi due anni dall'inchiesta iniziale fino a quando Tornek ha consegnato i primi orologi, in primo luogo ai ragazzi SEAL / UDT e successivamente ad altri subacquei navali e statunitensi. L'orologio che ricevettero era piuttosto diverso dai Fifty Fathoms: non portava il nome "Blancpain" in nessun punto dell'orologio, l'intera cassa era rifinita con una superficie a grana opaca, che lo rendeva completamente a prova di riflessione e il composto luminoso del quadrante non era né radio né trizio - piuttosto, usava il promethium-147.
L'uso del prometio significava che gli indici luminosi brillavano più a lungo, sia sott'acqua che di notte. Tuttavia, l'aspetto negativo è che la sua emivita è di soli due anni e mezzo, a differenza del trizio, che ha un'emivita di 12,4 anni, e del radio, che ha un'emivita misurata in secoli. Ovviamente, questa breve emivita sarebbe stata inaccettabile in un orologio civile, ma la marina aveva requisiti diversi.
L'approvvigionamento dell'acciaio speciale utilizzato era un problema minore rispetto al rendere amagnetico l'interno dell'orologio poiché ciò comportava lo scappamento dall'ottone indurito piuttosto che dall'acciaio. Né la molla del bilanciere poteva essere fatta di acciaio, ma non sono stato ancora in grado di scoprire quale materiale fosse usato al suo posto.
L'ordine iniziale era per 780 orologi (a $ 187,50 ciascuno) e l'ultimo di essi fu consegnato nel giugno del 1965. Pochi mesi dopo fu ricevuto un altro ordine per poco meno di 300 ma quello fu per la marina. Due anni dopo, il signor Tornek si avvicinò alla marina chiedendo se avessero bisogno di altri orologi, ma poiché il conflitto in Vietnam era al culmine, i poteri che avevano in mente altre cose e gli dissero che non pensavano che avrebbero bisogno di più. Quindi la linea di produzione speciale è stata smantellata e ai fornitori esterni (società di quadranti e acciaio) è stato detto che i loro servizi non erano più necessari.
Ma come detto che il prometio-147 aveva un'emivita di soli due anni e mezzo. Ciò significa che cinque anni dopo la realizzazione dei primi orologi avrebbero avuto solo circa il 25% della loro produzione luminosa originale. Ma quando la marina si avvicinò a Tornek per ottenere quadranti sostitutivi, gli fu detto che non c'erano più e che non c'era possibilità di ottenerne altri. Quindi, man mano che i quadranti si attenuavano e gli orologi diventavano meno utili, venivano restituiti ai negozi navali. E, una volta entrati nei negozi, sono stati condannati perché il retro di ogni caso era stato marchiato "PERICOLO materiale radioattivo" con un grande simbolo radioattivo.
Sepoltura senza cerimonie
Sotto le regole della Marina furono rimandati alla Commissione per l'energia atomica negli Stati Uniti, dove furono smaltiti come rifiuti atomici di basso livello. Sono stati collocati in contenitori con altri rifiuti di basso livello (uniformi, distintivi, tubature, ecc.) E i contenitori sono stati riempiti di cemento e quindi sepolti in profondità nei siti nelle aree deserte degli Stati Uniti. Poiché gli orologi erano prodotti di produzione molto bassa all'inizio (poco più di 1.000 unità prodotte) e molti devono essere stati persi dai subacquei mentre venivano utilizzati con la maggior parte del resto distrutto dal governo, questo significa che il Tornek Rayville TR-900 potrebbe benissimo essere uno dei più rari di tutti gli orologi militari. La ricerca attuale suggerisce che potrebbero essere rimasti solo circa 20 esemplari. All'inizio degli anni '70 l'ultimo dei TR-900 fu ritirato dal servizio nella Marina degli Stati Uniti e andò in rovina.
Ma l'orologio del sergente Jacques non era tra quelli distrutti dall'AEC, lo indossò per altri cinque anni in Vietnam e poi per altri sette anni nel Corpo dei Marines, al momento del suo ritiro nel 1977, era salito al rango di Sgt. Maggiore, il più alto grado non commissionato nel Corpo. Indossò l'orologio per la maggior parte dei suoi 10 anni di pensione, continuando a tenerlo sul cinturino in nylon emesso con una piccola bussola piena di liquido accanto
Fonte e foto: https://www.revolution.watch/war-hero-t ... le-tr-900/


Allegati:
Commento file: Nuotatore di demolizione subacquea della Marina degli Stati Uniti che controlla le pinne e la maschera per il viso, 1945. Immagine: Marina degli Stati Uniti
03-Tornek-Rayville.jpg
03-Tornek-Rayville.jpg [ 72.73 KiB | Osservato 117 volte ]
Commento file: Orologio da mensa, chiamato per il suo protettore a corona a vite
04-Tornek-Rayville1.jpg
04-Tornek-Rayville1.jpg [ 119.98 KiB | Osservato 117 volte ]
Commento file: TR-900 con bussola rilasciata al sergente maggiore Jacques dell'USMC
06-Tornek-Rayville2.jpg
06-Tornek-Rayville2.jpg [ 50.2 KiB | Osservato 117 volte ]
Commento file: Tornek-Rayville TR-900 (anteriore)
07-Tornek-Rayville3.jpg
07-Tornek-Rayville3.jpg [ 215.26 KiB | Osservato 117 volte ]
Commento file: Tornek-Rayville TR-900 (Fondello)
08-Tornek-Rayville4.jpg
08-Tornek-Rayville4.jpg [ 292.63 KiB | Osservato 117 volte ]
Commento file: sergente maggiore Jacques dell'USMC
12-Tornek-Rayville.jpg
12-Tornek-Rayville.jpg [ 49.88 KiB | Osservato 117 volte ]

_________________
Il fascino degli orologi: rendono concreta e visibile una cosa astratta come il tempo, che non si vede e non si tocca, eppure c’è.
(Fausto Gianfranceschi)


Ultima modifica di Cipster il domenica 29 settembre 2019, 18:34, modificato 1 volta in totale.
Top
 Profilo  
 

Re: il Tornek Rayville TR-900
MessaggioInviato: domenica 29 settembre 2019, 7:53 
Non connesso
Esperto Collezionista Polso
Esperto Collezionista Polso
Avatar utente

Iscritto il: sabato 3 marzo 2012, 14:05
Messaggi: 1436
Località: bologna
articolo interessante ,sopratutto dal punto di vista storico,di un orologio assai poco noto


Top
 Profilo  
 

Re: il Tornek Rayville TR-900
MessaggioInviato: domenica 29 settembre 2019, 7:56 
Non connesso
Esperto Collezionista Polso
Esperto Collezionista Polso
Avatar utente

Iscritto il: sabato 3 marzo 2012, 14:05
Messaggi: 1436
Località: bologna
posso solo aggiungere che il simbolo circolare sul quadrante al 6 altro non è che una cartina tornasole spia di una eventuale infiltrazione di umidità all'interno dell'orologio

il movimento era un automatico di AS


Top
 Profilo  
 

Re: il Tornek Rayville TR-900
MessaggioInviato: domenica 29 settembre 2019, 11:38 
Non connesso
Esperto Collezionista Polso
Esperto Collezionista Polso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 12 agosto 2014, 15:03
Messaggi: 9617
Provincia: Napoli
:rate10: Ho impiegato un po' di tempo per leggere tutto ma...l'ho trascorso in modo piacevole ed interessante ! :furz:
Grazie della tua pubblicazione e grazie di averci dedicato la tua fatica! :ìò

_________________
La vita è lotta ma la lotta è vita!


Top
 Profilo  
 

Re: il Tornek Rayville TR-900
MessaggioInviato: mercoledì 2 ottobre 2019, 11:39 
Non connesso
Senator
Senator
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 23 dicembre 2010, 9:43
Messaggi: 3045
Località: La Spezia
Provincia: La Spezia
Articolo molto interessante che fa da ponte tra l'interesse per i nostri beneamati orologi, la situazione geopolitica del periodo trattato, la parte di disanima tecnica e le vicende (o storie) personali dei diretti interessati statunitensi. In genere non sono appassionato di questo genere di orologi ma questo articolo mi ha fatto nascere una notevole curiosità.

_________________
Pier Paolo


Top
 Profilo  
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a: